Panorama di Bagheria

Nuova IMU 2020. Tutte le informazioni dell’ufficio tributi.

L’ufficio tributi del Comune informa sulle novità IMU 2020 e sul saldo. 

La legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019) ha abolito a decorrere dall’ anno corrente  la TASI, prevedendo soltanto il pagamento dell’IMU. L’imposta, mantiene in linea generale gli stessi presupposti soggettivi e oggettivi, disciplinati dalla normativa vigente nel 2019 – spiegano dall’ufficio tributi. 

Pricipali novità:

in gran parte riconfermate le tipologie di abitazioni assimilabili ad abitazione principale ad eccezione dei pensionati AIRE che non beneficeranno più dell’esenzione per l’abitazione posseduta in Italia.
Inoltre, prevista l’ esenzione per il settore turistico, così come previsto nel Decreto Rilancio, Decreto Agosto e Decreto Ristori.

Esenzioni IMU per il settore turistico.

(Decreto Rilancio) in considerazione degli effetti connessi all’emergenza sanitaria da COVID 19, stabilisce che per l’anno 2020 non è dovuta la prima rata dell’IMU (relativi a tipologie di immobili meglio specificati nell’allegata informativa dell’ufficio tributi)

(Decreto Agosto) stabilisce l’esenzione dalla seconda rata IMU per i settori del turismo e dello spettacolo (relativi a tipologie di immobili meglio specificati nell’allegata informativa dell’ufficio tributi).

(Decreto Ristori) stabilisce l‘esenzione dalla seconda rata IMU per gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nella tabella di cui all’allegato 1 del decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Il comma 741 lettera c) n. 4 della L. 160/2019 ha stabilito, ai soli fini dell’applicazione IMU, la costituzione del diritto di abitazione in capo al genitore affidatario dei figli e non SOLO AL CONIUGE. Quindi anche per tale fattispecie, come per il coniuge assegnatario è stabilita l’esclusione dall’IMU della casa familiare assegnata con provvedimento del Giudice e già assimilata all’abitazione principale nella precedente disciplina.

Fabbricati rurali strumentali e beni merce diventano soggetti ad IMU.
Ripristino dell’obbligo dichiarativo, nei casi previsti, entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui intervengono variazioni (art. 1 c. 769).

Il pagamento dell’imposta avviene in due rate, ossia 16 giugno per l’acconto e 16 dicembre per il saldo.
Il versamento della rata a saldo nel mese di dicembre verrà eseguito a conguaglio, sulla base delle aliquote approvate
 dal Consiglio comunale con delibera  n. 61 del 12/08/2020, e del nuovo regolamento IMU comunale, approvato dal  Consiglio Comunale con delibera n. 35 del 22/06/2020 ed inoltre, dovrà tenere conto dell’eventuale conguaglio di imposta non versata in sede di acconto.
Ricordiamo che il versamento “IMU” è effettuato in autotassazione dai contribuenti utilizzando il MODELLO F24.

Codici tributo:

“3912” denominato: “IMU – imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze – COMUNE”;
“3913” denominato “IMU – imposta municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale – COMUNE”;
“3914” denominato: “IMU – imposta municipale propria per i terreni – COMUNE”;
“3916” denominato: “IMU – imposta municipale propria per le aree fabbricabili – COMUNE”;
 “3918” denominato: “IMU – imposta municipale propria per gli altri fabbricati – COMUNE”;
“3925” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”;
“3930” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE”
Viene istituito un nuovo codice tributo che va ad aggiungersi ai precedenti ossia:

“3939” denominato “IMU – imposta municipale propria per i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita – COMUNE”.

(Le Delibere ed il Regolamento sono consultabili sul sito del Ministero delle Finanze alla pagina: https://www1.finanze.gov.it/finanze2/dipartimentopolitichefiscali/fiscalitalocale/IUC_newDF/sceltaregione.htm)

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 20/11/2020

Visite: 166

Codice fiscale: 81000170829 - Partita IVA: 00596290825
Centralino: 091943200 / 091943300
Obiettivi di accessibilità

Privacy policy - Pubblicità legale - Note legali

La gestione e l'aggiornamento quotidiano del sito è coordinata dall'Ufficio stampa comunale ufficio.stampa@comune.bagheria.pa.it

Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti: Marina Mancini m.mancini@comune.bagheria.pa.it