Panorama di Bagheria

Bagheria non dimentica. Un incontro al teatro Butera in ricordo di Falcone, Morvillo, Dicillo, Montinaro e Schifani

Un’intensa mattinata dove i giovani sono stati protagonisti si è svolta oggi, a cura dell’amministrazione comunale di Bagheria per fare memoria e prendere esempio di una vita all’insegna della legalità spesa dai giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e dagli agenti della Scorta.
Erano le 17,57 del 23 maggio del 92, quando l’istituto di geofisica registra un enorme boato che squarciò l’autostrada Palermo Trapani all’altezza di Capaci, la Fiat croma blindata del giudice Giovanni Falcone salta in aria, morirono con lui la moglie, il giudice Francesca Morvillo e gli agenti della scorta, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani  e ci furono altri 23 feriti.
Sono passati 30 anni dalla strage di Capaci, parafrasando quanto disse Giovanni Falcone: Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”, ggi rappresentanze di studenti e studentesse delle scuole di ogni ordine e grado di Bagheria, hanno camminando sulle loro gambe, per testimoniare che gli insegnamenti di Falcone e Borsellino hanno realizzato tanti importanti risultati.  

La manifestazione iniziata con la proiezione di un TG di quel tragico 23 maggio ’92 (qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=f3W9uRPX0J4  è proseguita con l’Onore ai caduti e l’esecuzione de Il silenzio a cura del maestro trombettista Antonino Treviso che ha poi diretto i giovani studenti dell’Ensamble della scuola media Ciro Scianna che hanno eseguito magistralmente 4 brani tra i quali “La grande porta di Kiev”, gran finale della famosa suite Quadri di una esposizione del compositore russo Modest Petrovič Musorgskij per ricordare anche quanto sta accadendo in Ucraina.
“Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene” è quanto diceva Borsellino ed è quanto hanno fatto oggi gli studenti della Direzione didattica Luigi Pirandello, gli alunni dell’Istituto Comprensivo Ignazio Buttitta che hanno proiettato due video che sono stati pubblicati sul sito web del Comune e gli studenti del Liceo Francesco Scaduto
La cultura tutta si è mobilitata per celebrare questa giornata e la memoria di Falcone e le attrici ed insegnanti di teatro Rosamaria Spena ed Enrica Volponi di Casa Teatro hanno proposto una toccante interpretazione della lettura di un brano da “L’inferno. Profondo Sud, male oscuro” di Giorgio Bocca.
Presenti anche tra le associazioni la Consulta Giovanile con il suo presidente Federico Guzzo, la Comunità Terapeutica Casa dei Giovani con il direttore Biagio Sciortino, e naturalmente rappresentanti delle Forze dell’Ordine e nello specifico il capitano dei Carabinieri Francesco Battaglia con il maresciallo Gaetano Vergara,  il capitano Francesco Vitolo con il luogotenente Carlo Frangetta della Guardia di Finanza, ed il sostituto commissario della Polizia di Stato Domenico Barone che hanno portato delle interessanti testimonianze ai ragazzi per spiegare loro quanto diceva Falcone: “Se vogliamo combattere efficacemente la mafia, non dobbiamo trasformarla in un mostro né pensare che sia una piovra o un cancro. Dobbiamo riconoscere che ci rassomiglia”, ci assomiglia quanto cerchiamo raccomandazioni, ci assomiglia quanto chiediamo favori clientelari e quanto li concediamo, ci assomiglia quanto vogliamo saltare turni, code, quando in una sola frase mettiamo in atto comportamenti illegali. 
All’evento era presente anche una rappresentanza di Consiglieri comunali e Giovanni Busetta figlio della vittima di mafia Pietro Busetta.
Ed è quanto ha ripreso il sindaco Filippo Maria Tripoli nel suo discorso di chiusura della manifestazione: “Oggi a Bagheria, come in altri territori, la mafia è presente!  infatti quando un ragazzo muore per overdose, è la mafia che lo uccide. Ci sono ragazzini di 11, 12 anni che fanno uso di crack, sono le nuove vittime della mafia. E allora non possiamo abbassare l’asticella della legalità» –  e racconta dei progetti e le iniziative messe in campo dall’amministrazione per lottare contro la droga con il progetto “Non è roba per te“, con la riqualificazione di piazza Butera che era diventata una zona di spaccio. 
«Diamo un aiuto alle Forze dell’Ordine denunciando!» – conclude il primo cittadino di Bagheria –«oggi forse grazie alle stragi del 92, abbiamo commercianti che denunciano, dobbiamo farlo tutti contro l’illegalità». 
Sul sito web comunale la registrazione integrale dell’evento.

Marina Mancini
ufficio stampa

La registrazione integrale dell’evento al seguente link: https://fb.watch/db9Umr0t7S/
I video dell’Istituto Buttitta https://www.mediafire.com/file/ufie9cbu44jqoow/Sicilia_20_maggio_2022_video.mp4/file

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 23/05/2022

Visite: 137

Codice fiscale: 81000170829 - Partita IVA: 00596290825
Centralino: 091943111
Dichiarazione di accessibilità

Privacy policy - Pubblicità legale - Note legali

La gestione e l'aggiornamento quotidiano del sito è coordinata dall'Ufficio stampa comunale ufficio.stampa@comune.bagheria.pa.it

Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti: Marina Mancini m.mancini@comune.bagheria.pa.it