“U me Paisi”  di Michelangelo Balistreri

“…sono stati centinaia e centinaia  i lettori delle poesie del Balistreri. Gente di mare, lavoratori, giovani studenti,  ragazze, casalinghe, sono già tantissime  le persone che hanno letto i versi di questo giovane poeta, che li hanno sentiti come parte  viva della loro cultura, della loro concezione del mondo, della loro filosofia della vita, poiché i versi di Michelangelo parlavano e cantavano, parlano e cantano, nel dialetto che appartiene da secoli e secoli alla Terra di Aspra,,,”

Dalla prefazione di Salvatore Di Marco

 Ed.  Istituto Superiore per la Difesa delle Tradizioni – Anno 1993 – Pagine 117

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 21/10/2021