La Paglia Bruciata. Racconti in versi di Ignazio Buttitta

 è del 1968, l’anno in cui esplode la contestazione studentesca. Il Paese, uscito lacerato e martoriato dalle rovine del secondo conflitto mondiale, si avviava verso l’immane ricostruzione fino al cosiddetto boom economico. I contadini meridionali abbandonavano i campi e in massa raggiungevano il triangolo industriale del Nord-Italia per improvvisarsi operai, o la Svizzera oppure le miniere di carbone del Belgio. Anche il dialetto mutava, contaminandosi sempre di più con la lingua nazionale.

È nel mutato contesto culturale e sociale che la Feltrinelli pubblica quest’opera di Ignazio Buttitta con la prefazione di Roberto Roversi e una nota di Cesare Zavattini.

Coinvolgente, struggente la ballata per i 7 fratelli Cervi che restituisce un tragico evento. Erano contadini padani con idee antifasciste. Presi prigionieri come partigiani, subirono torture e poi vennero fucilati tutti e sette dai fascisti il 28 dicembre del 1943 nel poligono di tiro di Reggio Emilia.

“Sunnu morti pi li morti, / pi li vivi, vivi sunnu: / la so fidi e lu so amuri, / sunnu l’occhi di lu munnu, // Sunnu vivi pi li patri / ca cumpì li novant’anni / e li vidi ogni momentu / ca diventanu cchiù granni. // A la notti mentri dormi / si li trova pi davanti / e ci parra comu parranu / li fidili a li so santi. // La mattina si risvigghia / e non vidi tettu e muru, / ma li figghi pi li campi / tutti setti a lu lavuru”

Editore  Feltrinelli – Anno 1976 – Pagine  172La paglia bruciata

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 01/10/2021