Sono i discendenti degli ultimi veri carrettieri ed interpretano i canzuna a la carrittera, cioè i canti della tradizione etnica dei carrettieri siciliani. I testi evocano sempre i classici temi delle canzoni romantiche; attraverso splendide metafore, i cantori parlano di amore, tradimenti, separazione e duro lavoro. Ultimamente i Cantori di Bagheria hanno rappresentato l’Italia al Festival de l’Imaginaire di Parigi presso il Theatre de la Ville e la Maison des Cultures du Monde, dove si sono esibite anche compagini di diversi paesi del mondo come Corea, Vietnam, Algeria, India, Marocco, Perù, isole Bahamas e Capo Verde. Tra i cantori più celebri Giorgio Provenzano, noto con il nome di Gino e scomparso nel 2012, famoso anche per aver interpretato un’intensa scena del film Baarìa di Giuseppe Tornatore

Etichetta Fonti Musicali – Anno 2006

  1. Di Salvo Melchiorre – Stanotti ô sonnu mi vinisti
  2. Mariano Flamia – Bedda, pi tia (ie) ncatinatu sugnu
    3. Giovanni Di Salvo – Stidda ca tu mPalermu fa’ splinduri
  3. Giuseppe Testa – o mi partu ri mPalermu e mi nni vaiu a Patti
  4. Gino Provenzano – Chiàncinu l’occhi mei, gran chiantu fannu
  5. Gaetano Puleo – Cùrcati presti e sùsiti ô matinu
  6. Mariano Flamia – A Castedduvitranu c’è un pisci currenti
  7. Giacomo Varisco – Cci aiu un cavaddu runn’è chi mancia e pasci
  8. Vito Di Salvo – Mi nni ivu a armari na barracca a Porta Nova
  9. Vito Di Salvo – Abbanniata
  10. Giovanni Di Salvo – Sequenza “a contrasto”
  11. Gaetano Puleo – Mala genti ca a mia iti sparrannu
  12. Ignazio Testa – Quannu nasciti tu, stidda lucenti
  13. Giuseppe Testa – Bedda, cu fici a tia fu un Sarafinu
  14. Abbanniati
  15. Melchiorre Di Salvo – Quann’era picciuteddu facìa lu nnammuratu
                                                                                                                           

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 15/11/2021