Panorama di Bagheria
carrettieri con sindaco

Aspettando Villa Cattolica: presentato il libro ‘I carrettieri – Testimonianze, Spazi, Suoni e doppio concerto di classica e canti dei carrettieri

Il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato.

Il prossimo 26 Dicembre Bagheria riavrà il suo complesso monumentale di Villa Cattolica e il Museo Guttuso tornerà ad essere il fiore all’occhiello della città.

Proprio il 26 Dicembre, giorno in cui nacque Renato Guttuso. Un omaggio nell’omaggio.

cnvegno presentazione libroPartendo dalla Festa della Musica, celebrata in tutta Europa nel giorno del solstizio d’estate, con Bagheria unica protagonista in tutta la Provincia di Palermo. Perché l’arte ha più facce e la pittura è come la musica.

Bagheria, appunto: ‘Faro di luce e di civiltà nel mondo’. E’ così che il prof. Antonino Buttitta, baarioto doc, ha sempre amato definirla agli occhi della moglie, Elsa Guggino, la docente universitaria di Storia delle tradizioni popolari, che ieri a Palazzo Butera è intervenuta per presentare il libro ‘I carrettieri – Testimonianze, Spazi, Suoni’, a cura di Giovanni Di Salvo.

E con lei il Sindaco, Patrizio Cinque; l’assessore alla Cultura, Romina Aiello; l’etnomusicologo Sergio Bonanzinga e il ricercatore Luca Cascio.

Un libro che è soprattutto memoria, laddove “la memoria – ha spiegato Elsa Guggino – non è il ricordo, ma è la storia”.

In una sala Borremans affollata e illuminata dal timido sole di questo Giugno, ha preso il via l’evento ‘Aspettando Villa Cattolica’, organizzato dall’amministrazione comunale con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Un progetto cofinanziato da Sicilia PO-FESR 2007-2013 (linea di intervento 3.1.3.2). Un progetto che culminerà, appunto, con la riapertura di Villa Cattolica e del Museo Guttuso. “Una sfida importantissima – ha sottolineato il Sindaco, Patrizio Cinque – per tutta la città di Bagheria”.

CONCERTO_SERALEArte e cultura, memoria e tradizioni. Su questa scia, si è svolto poi il concerto a cura del Laboratorio di Etnomusicologia dell’Università di Palermo. Zampogne e tamburi, voci e chitarre, per ripercorrere i canti popolari siciliani e quelli sempre emozionanti dei carrettieri.

Ma non è stato l’unico concerto. Perché la serata si è conclusa nel cortile esterno di Palazzo Butera, illuminato a festa, con l’esibizione de GliArchiEnsemble, l’Orchestra da camera nata a Palermo, ma che in poco più di dieci anni di attività ha girato tutto il mondo.
Mozart, Rossini, Mascagni, Britten, Piazzolla; i violini e le viole, i violoncelli e il contrabbasso: per accompagnare dolcemente la marcia verso la riapertura di Villa Cattolica e del Museo Guttuso. Nel nome di Bagheria e della sua memoria.

Daniela Tornatore
Ufficio stampa 
Aspettando Villa Cattolica

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 22/06/2016

Visite: 1758

Codice fiscale: 81000170829 - Partita IVA: 00596290825
Centralino: 091943200 / 091943300
Dichiarazione di accessibilità

Privacy policy - Pubblicità legale - Note legali

La gestione e l'aggiornamento quotidiano del sito è coordinata dall'Ufficio stampa comunale ufficio.stampa@comune.bagheria.pa.it

Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti: Marina Mancini m.mancini@comune.bagheria.pa.it