Panorama di Bagheria

Amministrazione condivisa: Si parte da piazza vittime dalla mafia. Partecipazione e curiosità per i patti di collaborazione

Sfida meteorologica vinta e di buon auspicio per il primo patto sperimentale di collaborazione per un amministrazione condivisa a Bagheria.

Nonostante la situazione climatica avversa in molti sono accorsi per informarsi su cosa siano i patti di collaborazione per un’amministrazione che coinvolge dal basso la città per la cura di beni mobili ed immobili. Iniziativa che si è svolta oggi, a piazza vittime della mafia, nel centro di Bagheria per lanciare il programma di riqualificazione e gestione dei beni comuni nella Città delle ville.

«Bagheria è di tutti, diventa utilizzabile da tutti, come un’open source, ha un codice aperto, ovviamente attraverso degli strumenti condivisi» – così il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, intervenuto all’iniziativa per la riqualificazione di piazza Vittime della mafia, ha iniziato il suo intervento per spiegare i patti di collaborazione che riguardano tutta la città.DSCN5114

«Voglio ringraziare tutti quelli che stanno dando il via a questo percorso importantissimo che permette a chiunque, cittadino, imprenditore, associazione di prendersi cura di qualsiasi bene o spazio della nostra città, in collaborazione con l’amministrazione, al fine di renderlo fruibile ma anche per migliorarlo e creare occasioni di occupazione per i giovani” sottolinea il primo cittadino – «Immaginate monte Catalfano, piazza Buttera, villa San Cataldo, o gli spazi vicini alle attività commerciali, sono vere occasioni per la città di diventare fiore all’occhiello del territorio ed è questa la migliore risposta che gli enti locali, che hanno crisi finanziarie importanti, possono avere per dare risposte al territorio”.

«Avremmo potuto approvare il regolamento e poi partire, in verità abbiamo preferito partire, in via sperimentale, già da un primo patto di collaborazione partendo dal basso. E’ questo il frutto di 4 anni di lavoro e di ascolto della base e questa piazza sarà il frutto di un lavoro di comunità» – sottolinea così l’assessore alle Politiche Sociali, Maria Puleo, lo spirito dell’iniziativa che vede coinvolti soggetti privati e pubblici e il mondo dell’associazionismo comprensoriale.

DSCN5117«La Casa del Volontariato, il CeSVoP sono stati coloro i quali hanno voluto e deciso, in assemblea, di voler avviare un progetto di riqualificazione in questo spazio, allo stesso tempo c’è stato un privato, il Bar Ester che ha avuto interesse a voler incidere su questa piazza, e allo stesso tempo avevamo avviato un percorso con il centro diurno dell’Asp che prevederà la realizzazione di una stele realizzata dai ragazzi che frequentano il centro diurno» – racconta l’assessore – Avevamo tanti pezzi nati dall’ascolto dei cittadino e noi come amministrazione non abbiamo fatto altro che metterli insieme e tutto quel che si realizzerà su questa piazza è frutto del lavoro partito dal basso e del lavoro che abbiamo avviato con i cittadini – spiega così, in sintesi, la nascita del primo patto di collaborazione Maria Puleo che ribadisce quale sia il messaggio di questi patti: «Ogni cittadino, sia singolo che in forma associata, può avviare dei percorsi di vivibilità della città».

All’iniziativa di piazza vittime della mafia erano presenti anche i vertici locali di Casb, Casa del volontariato e e CeSVoP oltre ad una serie di associazioni che afferiscono a Casb e CesVoP.

«Questo è l’ennesimo tassello che l’amministrazione e le associazioni del territorio stanno mettendo affinché tutti i cittadini si rendano partecipi per lo sviluppo del territorio” – dice Gianluca Rizzo, referente locale del CeSVoP.

«L’investimento che l’amministrazione ha fatto nei confronti del movimento associativo mi pare che abbia avuto un ritorno” – sottolinea Michele Balisteri presidente del Casb – “questa è una sfida, è la prova del nove, per questa amministrazione che ha fatto una bandiera fondante il concetto di cittadinanza attiva».

DSCN5114Balistreri sottolinea anche un ulteriore aspetto importante dei processi di amministrazione condivida: «la possibilità non solo per cittadini e associazioni ma anche per gli imprenditori che possono essere messi in condizioni, senza farragini burocratiche, di partecipare al decoro e alla qualità ma anche di avere un ritorno economico».

Presenti a piazza vittime della mafia anche la dirigente scolastica della scuola Ciro Scianna, Carmen Tripoli la vice-preside della scuola Cirincione, Cristina Cesarano che hanno sottolineato il concetto di cittadinanza attiva ed il coinvolgimento del mondo scolastico che fonda la sua idea sul principio di sussidiarietà orizzontale secondo quanto previsto dall’articolo 118, ultimo comma della Costituzione, e ancora il dottor Alberto Stimolo del centro diurno di salute mentale dell’Asp di Palermo che ha spiegato l’idea del totem artistico che farà parte dell’arredo della piazza ed ha sottolineato quanto sia importante per gli individui che e si riabilitano come sia importante il coinvolgimento e l’integrazione per assumere piena cittadinanza e visibilità ed infine  Michela Uzzo del CeSVoP Palermo che è tra coloro che seguono la delegazione di Bagheria come supporto e collaborazione proprio nello spirito fondante che è proprio del CeSVoP. 

Sul sito web comune è presente una >>>galleria fotografica dell’iniziativa, sulla pagina Facebook comunale la >>>registrazione integrale degli interventi.

Associazioni presenti oggi
: Neava, Da Generazione a Generazione, AGE (Associazione Genitori),  La giostra della Vita, La Piana D’Oro, Arcoiris,  Gruppo di Volontariato Vincenziano, Movimento della Salute, Futuro Anteriore,Solesis, Natura e Cultura, Coop. Sociale Lavoro e Solidarietà, AISF, Centro Studi Autora,Baby Angels, Centro Studi Pegaso, Isola di  Giada, Kamanda, Samo.

Prossimamente sarà disponibile un servizio giornalistico con le interviste a tutti i protagonisti.

E intanto per parlare nuovamente di amministrazione condivisa rimandiamo ad un appuntamento che si terrà i prossimo mercoledì 28 marzo, in aula consiliare a Bagheria e sul quale torneremo con un apposito comunicato stampa.

galleria foto: qui:
https://www.facebook.com/pg/ComuneBagheria/photos/?tab=album&album_id=2166593153369294
video diretta qui:
https://www.facebook.com/marinamancini/videos/10215945319606370/

Marina Mancini
Ufficio stampa Bagheria
tel.091.943228 – 3470014952

 

ALLEGATI
Ultimo aggiornamento: 24/03/2018

Visite: 1293

Codice fiscale: 81000170829 - Partita IVA: 00596290825
Centralino: 091943200 / 091943300
Obiettivi di accessibilità

Privacy policy - Pubblicità legale - Note legali

La gestione e l'aggiornamento quotidiano del sito è coordinata dall'Ufficio stampa comunale ufficio.stampa@comune.bagheria.pa.it

Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti: Marina Mancini m.mancini@comune.bagheria.pa.it